Istituzionale «Reglamenti

REGOLAMENTI

Aggiornamento Febbraio 2016

INTRODUZIONE

ANACC, al fine di identificare e riconoscere a livello internazionale ogni nuovo soggetto nato in Italia come Cavallo di Pura Razza Criolla, seguendo le direttive FICCC (Federacion Internacional Criadores Caballo Criollo) e sotto il diretto controllo ed il programma della SCCCU (Sociedad de Criadores de Caballos Criollos del Uruguay), coordina le seguenti attività a favore dei propri associati.

SEZIONE 1

ISCRIZIONE PULEDRI

Premettendo che l'iscrizione di un puledro/a per chi si affida oggi ad ANACC è semplice, si ricorda a tutti gli allevatori che è assolutamente necessario attenersi a quanto sotto elencato.

Fattrice

Se di origine Uruguayana, il pedigree ARU (Asociacion Rural del Uruguay) deve avere il trasferimento di proprietà a nome di chi si intesterà il puledro/a.

Nel caso fosse necessario, ANACC può fornire ai suoi associati il supporto necessario per le relative procedure di trasferimento.

Se la fattrice è con pedigree di altri paesi di origine diverse dall'Uruguay, quali Argentina, Brasile o Paraguay, dovrà essere ispezionata da commissari di Razza (delegati ARU - SCCCU), dovrà essere marchiata con la U nell’ovale e registrata all'ARU a nome di chi si intesterà il puledro/a. Questo entro e non oltre la richiesta di iscrizione del puledro/a.

Stallone

Lo stallone con pedigree non Uruguayano di origine, dovrà aver superato positivamente l'ispezione (vedi Sezione 2) ed essere stato marchiato con la U nell’ovale prima di riprodurre.

Puledro/a

L’iscrizione del puledro/a deve avvenire entro 3 mesi dalla data di nascita.

Per l’iscrizione l’allevatore, entro 2 mesi dalla data di nascita, dovrà:

- Documentare e inviare ad ANACC fotografie del/la puledro/a al fianco della madre.

- Inviare ad ANACC in buste separate, sigillate ed identificate, gli strappi del pelo con bulbo pilifero, sia del puledro/a che della madre, per la prova del DNA.

- Se lo stallone non ha mai registrato figli in Uruguay, è opportuno per sicurezza inviare quanto sopra con le stesse modalità.

- Inviare su Conto Corrente

ANACC bonifico di accredito del costo di iscrizione secondo Tariffe ufficiali ARU e SCCCU alla data della transazione più spese di gestione e spedizione.

- Inviare ad ANACC i dati proprietario, allevamento etc.

ANACC provvederà a:

- Inoltrare tutta la documentazione ad ARU

- Gestire i pagamenti su Conto Corrente ARU

- Seguire le procedure e le relative verifiche

- Organizzare il rientro e la consegna dei documenti

NOTA: si ricorda agli associati che il puledro/a, prima di essere staccato dalla madre, dovrà essere marchiato con il marchio dell'allevamento e il relativo numero di RP consecutivo.

SEZIONE 2

ISPEZIONI

ANACC, al fine di identificare e riconoscere a livello internazionale soggetti nati in Italia idonei e/o destinati alla riproduzione, di seguito riassume regole, criteri e procedure a tutti gli allevatori interessati.

Dall’età di due anni e mezzo, un soggetto Criollo regolarmente iscritto con pedigree, può essere soggetto di Ispezione.

Obiettivo dell'ispezione è verificare che il soggetto ispezionato rientri negli Standard di Razza.

A tal fine verranno osservate e valutate le caratteristiche razziali, la struttura generale dell'animale, che non vi siano gravi difetti di conformazione e che il soggetto rientri nei parametri di altezza previsti dallo Standard.

L’Ispezione è prerogativa indispensabile se si decide che un proprio soggetto venga utilizzato come cavallo da riproduzione.

Si ricorda che anche tutti i puledri nati da genitori di categoria DEFINITIVO, devono essere ispezionati.

COMMISSIONE ISPEZIONI

La Commissione Ispezioni sarà composta da un rappresentante ANACC e da almeno un delegato ARU – SCCCU.

ESITI DELL’ISPEZIONE.

Una volta effettuata l’ispezione, l’esito della stessa decide se il soggetto può essere:

ACCETTATO

In questo caso l’ispettore/i incaricato provvederà a timbrare e firmare il relativo pedigree e l'animale sarà marchiato a fuoco con il marchio U nell’ovale.

RINVIATO

Quando l’ispettore/i considera che, a causa dello stato di presentazione dell’animale, risulta impossibile valutarne obiettivamente le condizioni o quando si ipotizza che le proporzioni e/o misure dello stesso possano cambiare, in senso positivo o negativo secondo i casi, rispetto a quelle stabilite dallo Standard della Razza, tenendo in conto lo sviluppo del capo relativamente a età e luogo di allevamento.

Il capo rinviato può essere nuovamente presentato fino a due volte. La terza volta può verificarsi solo l’accettazione o il rifiuto dell’animale, che non potrà essere ispezionato nuovamente.

Le cause di rinvio di animali durante le ispezioni sono:

• Indocilità

• Assenza dello stato minimo per essere valutato.

• Altezza superiore a 1.46m a 2 anni e mezzo d’età.

• Altezza superiore a 1.48m a 3 anni e mezzo d’età.

• Altezza minima inferiore a 1.40m per i maschi. Altezza minima inferiore a 1.38m per le femmine.

• Immaturità, vale a dire mancanza di sviluppo corrispondente all’età.

• Maturità o sviluppo eccessivo non conformi all’età.

RIFIUTATO

Il rifiuto del capo implica la sua eliminazione dai Registri Genealogici. Le cause di eliminazione di animali durante le ispezioni sono:

• Aspetto fuori dallo standard razziale. Quando i profili non corrispondono a quelli dello Standard della Razza o in presenza di caratteri maggiormente atipici. Inclusi: mancanza di pigmentazione in labbra, narici e palpebre.

• Deviazione o difetti gravi di appiombo: quando gli stessi siano talmente gravi da rappresentare una limitazione nel movimento dell’animale.

• Gravi difetti lombari: lordosi, cifosi, scoliosi.

• Groppa corta e troppo verticale: quando la sua angolatura sia tale da rendere difficile il movimento e l’avanzare del treno posteriore dell’animale.

• Avanbraccio della stessa lunghezza dello stinco (difetto di Ponismo).

• Difetti gravi non acquisiti: prognatismo, brachignatismo e zoccoli incastellati.

• Albinismo (mucose e cuoio rosa, pelo bianco e con occhi celesti).

• Altezza superiore a 1.50m*. • Altezza minima inferiore a 1.38m per le femmine e 1.40m per i maschi all’età di 6 anni di età*.

• Carenza globale (Non si considerano indici biometrici, vale a dire le misure stabilite dallo Standard della Razza).

• Eccesso globale (Non si considerano indici biometrici, vale a dire le misure stabilite dallo Standard della Razza).

• Raggiungimento di 3 rinvii.

*Gli animali eliminati per il criterio dell’altezza non avranno diritto a una seconda valutazione.

NOTA: data l’incidenza dei maschi nella riproduzione della Razza, per essere accettati sarà richiesto agli stessi un livello di conformazione superiore a quello richiesto alle femmine.

RICHIESTE DI ISPEZIONE

I soci allevatori interessati, dovranno fare richiesta ad ANACC entro il 31 marzo dell’anno di ispezione e con l’occasione:

- Inviare su Conto Corrente ANACC bonifico di accredito del costo di iscrizione secondo Tariffe ufficiali ARU e SCCCU alla data della transazione più spese di gestione e spedizione.

- Inviare ad ANACC i dati cavallo, proprietario, allevamento etc.

ANACC provvederà a:

- Richiedere le ispezioni ad ARU – SCCCU per organizzare la visita dei loro delegati

- Inoltrare tutta la documentazione ad ARU - SCCCU

- Gestire i pagamenti su Conto Corrente ARU - SCCCU

- Seguire le procedure e le relative verifiche

- Organizzare il rientro e la consegna dei documenti

- Organizzare luogo/luoghi dell’ispezione